Il viaggiare è fatale ai pregiudizi, ai bigottismi e alle menti ristrette.
[Mark Twain]

2013/03/12

Io, romantica.

Ispirata dal post fresco fresco di pubblicazione del blog di secondo lucy, eccomi qui a parlarvi del romanticismo. Del mio romanticismo.
Io sono davvero una romantica.
Ma attenzione. Romantica non significa melensa. Quando voglio, so essere fin troppo acida.
Però, in amore, mi piace sognare. Mi piace fare progetti a lungo termine senza possedere alcuna condizione necessaria e sufficiente per attuarli. Mi piace costruire i cosiddetti "castelli per aria", privi di basi e fondamenta. Perché essere romantici significa anche essere dei grandi sognatori.
Essere romantici significa saper riconoscere i segnali della persona di cui si è innamorati.
Mi accorgo immediatamente se lui ha un problema, se ha bisogno di aiuto. Colgo al volo il significato di certi suoi sguardi che sono sicura nessun altro sarebbe in grado di capire.
Se mi sento sola, è la sua voce che cerco e che voglio a sentire. Se sono triste, è da lui che mi rifugio.
So riconoscere quando è realmente felice, quando è deluso, quando è stanco, quando è nervoso, quando sta mentendo.
Noto il suo diverso taglio di capelli, il nuovo deodorante che ha acquistato per la sua auto, il suo corpo che si anima - anche se impercettibilmente - quando il dj del locale suona una canzone che gli piace.
Conosco a memoria le sue manie. Le chiavi di casa sempre con sé o comunque ben nascoste perché non si sa mai, il lavoro sempre presente nella sua testa anche quando tutto attorno a lui dovrebbe evocare solo brio e spensieratezza, le scarpe da tennis stra usate quando esce indossando la tuta perché quelle nuove sono per il venerdì e il sabato sera, non sono da tuta. Elementare, Watson.
Il suo ritardo cronico, le unghie delle mani sempre mangiucchiate, la cipolla sulla pizza, il barattolino di mais alle tre di notte.
La sua timidezza nonostante cerchi sempre di mostrarsi estremamente disinvolto.
Non è forse questo essere romantici?

23 commenti:

  1. L'amore è bello solo se vissuto con gli occhi di una persona romantica.
    È bello ciò che scrivi.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Più che romanticismo a mia idea questa è intimità e amore :) ed è molto meglio del romanticismo! Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm...potrebbe essere come dici tu! :P

      Elimina
  3. Mi piace molto la tua versione di romanticismo;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è un po' ad intermittenza anche il mio ;)

      Elimina
  4. E' giusto sognare e bello essere romantici...
    V

    RispondiElimina
  5. bello ciò che scrivi...io sn romantica ad intermittenza cm ho letto sul post di secondo Lucy ;)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, forse anch'io potrei considerarmi una romantica ad intermittenza.
      Grazie per essere passata di qui :)

      Elimina
  6. Cosa sarebbe la vita senza romanticismo? solo una accozzaglia di persone sarcastiche e ciniche. viva il romanticismo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehi, sono passata dal tuo blog! L'ho trovato molto carino e divertente! Ti seguo! ;)

      Elimina
  7. Secondo me non c'è intermittenza nel tuo romanticismo/amore. Al massimo selezione del soggetto. Te lo dico per esperienza, non si è romantici o no, si è innamorati o no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è una linea sottile.. E, soprattutto, non siamo tutti uguali nel dimostrare i nostri sentimenti.

      Elimina
    2. Assolutamente, ma di certo "a tratti" è difficile, dalla tua descrizione non mi pare ci siano tratti in cui, mmm, non lo sei, neanche nel raccontarlo non lo sei.

      Elimina
    3. Credo tu abbia ragione. Nemmeno nel raccontarlo riesco ad esserlo solo a tratti. E questo è bene o male? Uhmmm..qua introduciamo i meccanismi del "mantenimento" dell'amore, che è meglio evitare. :-/

      Elimina
    4. E' sempre bene, perché è quello che vuoi. E' quello che senti, non ti forzi a farlo, ne ti sforzi a non farlo. Io non l'ho mai fatto prima di 2 anni fa, senza saperne il finale, o addirittura conoscendolo, ti direi rifarei tutto quello che ho fatto, e che forse farò, senza sforzo e mai a tratti. E io non sono per niente "a tratti" - tendo alla freddezza e disinteresse assoluti, almeno così credevo.

      Elimina
    5. Wow..quasi da luccichio negli occhi questa tua risposta eh.. *-*

      Elimina
    6. Si Moccia non è nessuno potevo fa un blog "Scusa ma ti chiamo blog" :)

      Elimina
  8. Però correggo il tiro, essere romantici a tratti non vuole dire essere freddi con il proprio partner. Io il romanticismo lo vedo come una sorta di lato caratteriale, a prescindere da me, non credo che una persona non possa amare se non romantica; non so se mi spiego:) Rifuggo da amore = romanticismo. Se si è anche romantici meglio ma se non lo si è, ce la si può fare ugualmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me romanticismo è diverso da amore:-) possono coesistere ma l'esistenza di una non invalida l'altra.. C'è chi è più romantico e chi meno :-) però amano entrambi!

      Elimina
  9. Io l'unica cosa romantica che conosco è la torta gelato dell'Algida, ho detto tutto :)

    Moz-

    RispondiElimina
  10. si, credo che sia questo. Esattamente questo. Ed è bellissimo.

    RispondiElimina