Il viaggiare è fatale ai pregiudizi, ai bigottismi e alle menti ristrette.
[Mark Twain]

2013/10/19

E ora che ho svuotato le tasche, non resta più nulla

È venerdì sera.
E il telefono non squilla, non vibra, nessuna notifica di whatsapp o di un sms da leggere. L'unica a far illuminare il mio telefono sono io che, in preda all'esaurimento,  premo in continuazione il pulsante in basso al centro.
È che, alla fine, a me manca sempre qualcuno. Mentre non esiste un qualcuno a cui manchi io.
È questo il punto.
Io non riesco a farmi mancare. Non riesco a lasciare un vuoto quando me ne vado.
Ho appena iniziato a leggere il libro "Venuto al mondo" di Margaret Mazzantini.
Già dalle prime pagine si capisce che è un libro forte, intenso ma con tante emozioni nascoste tra le righe.
La guerra è a Sarajevo.
La guerra è dentro di me.
Mentre sorrido, bombe che esplodono a ripetizione nello stomaco.
Mentre lo sguardo è fisso nel vuoto, mille anime si accasciano piegate in due dal dolore.
È un vero e proprio tormento.
Che fa male, che divora ma che si fa sopportare perché anche lui, come tutto in questo mondo, ha una fine.

15 commenti:

  1. Sono passaggi di vita, tutti abbiamo attraversato momenti così.
    L'importante è sapere che le cose cambieranno. Quando? Quando devono cambiare.

    Un abbraccio,

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Molto meno intellettualmente io mi sono concesso il film e ho saltato il libro... Però le emozioni sono state ugualmente intense, grazie anche alla sapiente regia di Castellitto.
    Sarajevo, quella di allora, è dentro ognuno di noi... Dopotutto, il percorso che ci scegliamo ogni giorno non è forse una costante ricerca di equilibrio? Io credo che, per mancare agli altri, si debba conquistare parte di tale equilibrio, imparando a bastare a se stessi... Per godersi l'altro bisogna prima poterne fare a meno. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Non mi riesce facile, ma ci sto provando eh.

      Elimina
  3. Cara Francesca, non sai quanto ti capisco. Le tue parole mi risuonano molto familiari e la tua descrizione di te stessa sembra essere la mia! (solo che cambia il libro, sto leggendo "E l'eco rispose" di Khaled Hosseini) Spero che questo periodaccio passi presto, per entrambe! Ti abbraccio

    RispondiElimina
  4. Penso che tutti manchiamo a qualcuno, il problema è che qualcuno, spesso, si dimentica di dircelo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm... Pensiero un po' troppo ottimistico, per come sono fatta io. Ma apprezzo il tuo ottimismo ;)

      Elimina
  5. che post malinconico :(
    se "non manchi a nessuno" forse è perchè intorno a te non hai le persone giuste in grado di apprezzarti a pieno...
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  6. se, come dici tu, non manchi a nessuno, è perchè forse non vivi abbastanza..... passi probabilmente troppe ore sul lavoro oppure come ha detto qualcuno, chi ti circonda non ti merita!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao!
    Abbiamo trasferito il nostro blog, ti va di seguirci con gfc? Ovviamente ricambiamo!
    www.sevacolazione.blogspot.it
    S&V

    RispondiElimina
  8. Te lo richiedo: sei viva? :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che sono viva! Nuovo post, hai visto?? ;)

      Elimina